info@stonescafe.it    059 773612 • 059 765373
Stones Cafè c/o Piscina di Vignola - via del Portello 1 - Vignola (Mo)
Claudio Giovagnoli

Claudio Giovagnoli  :: biografia

Sassofonista e compositore, formatosi nell’area toscana, inizia gli studi classici con il clarinetto all’età di 13 anni per poi dedicarsi principalmente alla musica jazz e funk dopo averla scoperta all’età di 20 anni. Frequenta le scuole jazz di Firenze, Siena e Roma, studiando con grandi musicisti quali S. Cantini, M. Giammarco, P. Dalla Porta, D. Liebman, ecc.
Dal ’92 ad oggi conta innumerevoli concerti e collaborazioni nell’ambito della musica jazz e funk. Oltre a numerose incisioni come side o session man ha al suo attivo tre dischi come leader: “Il Silenzio dei Titani” (2002, con N. Vernuccio, F. morganti e F. Santarnecchi), “Native Quartet” (2006, con L. Pieri, P. Dalla Porta, F. Morganti), e “Steam” del Meeting Sounds Quartet (con S. Graziano, G. Evangelista e B. Guerra), edito da Jazz Engine Records nel 2012, che entra fra i dischi del mese su Musica Jazz di gennaio 2013.
Dal 2003 inizia a collaborare e poi si integra con il gruppo dei Funk Off, con il quale si esibisce in numerosi festival jazz, quali il London Jazz Festival, Umbria Jazz, BMW Jazz Festival di Sau Paulo (Brasil), Montreux, Instanbul Jazz Festival, Umbria Jazz Winter, Clusone Jazz Festival, Melbourne Jazz Festival, Jazz a Vienne, Black Sea Jazz Festival, ecc., ed anche in alcune trasmissioni televisive quali “Speciale per me” di Renzo Arbore (RAI 1), il festival di Sanremo 2005 con Alexia, Scalo76 (RAI 2), Barbareschi Sciock (LA7), 1° maggio 2010 in piazza San Giovanni a Roma (RAI 3), Sostiene Bollani (RAI3), Amici di Maria De Filippi (con Alessandra Amoroso, 2012), ecc.
Con i Funk Off incide quattro CD ed un DVD: il primo si intitola “Jazz On”, edito nel 2007 da “Blue Note/Emi”, il quale annovera ospiti importanti quali D. Liebman, S. Bollani, P. Fresu e G. Telesforo; il secondo CD esce nel 2010 e si intitola “Una banda così”, edito da “My Favorite Records”, ospiti F. Bosso, Horacio “El Negro” Hernandez, A. Salis, G. Petrella; il terzo CD si intitola “Power to the music”, edito da “Emarcy Universal” con ospite M. Tamburini; nel 2014 esce il DVD “Funk Off Story – Live at Umbria Jazz 13”, allegato alla rivista Musica Jazz (N. 6 – giugno 2014); nel 2015 il quarto CD dal titolo “Things Change”, edito da “JAndo Music – Via Veneto Jazz”, con ospiti Raul Midón, Avery Sunshine e Fred Wesley. Nel novembre 2014 i Funk Off suonano in South Africa, e nell’occasione si rendono protagonisti di alcune clinics-incontri con i ragazzi delle scuole nelle township intorno a Johannesburg. Altre collaborazioni dei Funk Off, a parte quelle occasionali, sono state quella con Simone Cristicchi dal 2012 e quella con Karima dal 2015 ad oggi.
Nel 2015 è in tour in Europa con la cantante chitarrista Ana Popovic, insieme a M. Papadia e F. Morgera, suonando in Germania, Francia (Cahors Blues Festival), Normandia, Svezia, Finlandia (Raumi Blues Festival), Serbia, ecc. Sempre con Papadia nel 2014-15 effettua alcuni concerti con ospite F. Bosso; nello stesso periodo ma con il gruppo funky dei “Sex FM” un altro ospite degno di nota è Fred Wesley, storico trombonista di James Brown.
Occasionalmente collabora anche con l’ambiente pop italiano, registrando con Irene Grandi (“Un vento senza nome” – Sony Music 2015), con Cristina Donà (“Torno a casa a piedi” – EMI Music Italy 2011), Biagio Antonacci (“Il cielo ha una porta sola” e “9-NOV-2001”), ecc. Con Antonacci si esibisce anche all’arena di Verona nell’ambito del Wind Music Awards 2009, in diretta su Italia-1; invece con Max Gazzè un simpatico concerto tributo ai Pink Floyd nel luglio 2011

GOODMORNING MAMAMama’s Chores