info@stonescafe.it    059 773612 • 059 765373
Stones Cafè c/o Piscina di Vignola - via del Portello 1 - Vignola (Mo)
Ellade Bandini

Ellade Bandini  :: biografia

ELLADE BANDINI (Ferrara, 17 luglio 1946) è un batterista italiano, con una lunga carriera da turnista e di concerti, ed ex membro dei The Pleasure Machine.
Inizia la carriera di batterista suonando per la cantante Carmen Villani, nel gruppo beat Avengers, con Ares Tavolazzi al basso. Grazie a tale formazione incontra il pianista e giovane arrangiatore italiano Vince Tempera. Inserito, grazie al maestro Tempera, nell’ambiente discografico, diventa in breve tempo un turnista molto richiesto, suonando in molti 45 giri di successo di quegli anni, come “Vendo casa” dei Dik Dik. Nel 1969 con Ares Tavolazzi e Vince Tempera forma i The Pleasure Machine; insieme ad essi dà inizio alla collaborazione con Francesco Guccini, fino al 1982 solo su disco, successivamente anche in tournée. Nel 1978 Tempera lo incarica di suonare la batteria nei singoli e nell’album tratti dalle sigle della prima serie mecha apparsa in Italia, Atlas Ufo Robot (Goldrake), in cui Tavolazzi apparirà come bassista e coautore di Shooting Star: idealmente si ricomporrà così il loro trio.
Bandini, nella sua lunga carriera, ha collaborato con moltissimi musicisti italiani: Mina, Fabrizio De Andrè, Francesco Guccini, Roberto Vecchioni, Paolo Conte, Fabio Concato, Vinicio Capossela, Angelo Branduardi, Adriano Celentano,Bruno Lauzi, Dik Dik, Equipe 84, Antonello Venditti, Ron, Biagio Antonacci, Ornella Vanoni, Edoardo Bennato, Zucchero, Maurizio Geri, Fiorella Mannoia, Eros Ramazzotti, I Giganti, Luigi Maieron, Teresa De Sio, Enzo Jannacci, Umberto Bindi, Massimo Ranieri, Gino Paoli.
Nel mondo del Jazz ha occasione di collaborare con personaggi del calibro di Phil Woods, Lee Konitz, Ray Bryant, Carl Fontana, Tony Scott, Mike Melillo, Danilo Rea e tanti altri.. Attualmente fa parte della “Drummeria”, formata, oltre che da Bandini, da altri quattro batteristi: Walter Calloni, Maxx Furian, Christian Meyer e Paolo Pellegatti.

GOODMORNING MAMAMama’s Chores